blockchain

BLOCKCHAIN: otto applicazioni pratiche per lo Sviluppo

La tecnologia Blockchain (scopri di più su cos’è) è ormai una risorsa importante per la gestione delle attività pubbliche non solo nelle economie più avanzate, ma anche in quelle del Sud del mondo, dove potrebbe rivelarsi un ottimo strumento per dare impulso allo sviluppo sociale ed economico.

Nella maggior parte delle economie emergenti, difatti, i governi si pongono come garanti di beni pubblici –  giustizia, sicurezza, salute e istruzione – ma ciò non significa che se ne occupino in modo diretto, spesso appaltano la gestione a partner privati profit e no profit.

Una recente ricerca ha evidenziato come l’impiego della tecnologia blockchain – utilizzata dai partner privati incaricati di gestire molti servizi pubblici nei paesi emergenti – abbia grandi potenzialità nella promozione dello sviluppo socio-economico di questi paesi. In particolare, ecco otto usi pratici di questa tecnologia che possono promuovere e supportare lo sviluppo del Sud del mondo.

1. SERVIZI GOVERNATIVI – In origine, la tecnologia blockchain era utilizzata principalmente per garantire i servizi governativi che si occupano della gestione dei documenti pubblici o di identificazione personale, particolarmente complessi da ottenere nei paesi in via di sviluppo. Oggi il collegamento tra questa tecnologia e i servizi governativi si è rafforzato, suscitando l’interesse di molte start up del settore.
Ad esempio BitFury ha da poco siglato un accordo con il governo ucraino per la fornitura di servizi pubblici ai cittadini.
Mentre Dubai ha previsto di diventare a pieno titolo una Città Blockchain entro il 2020, come parte integrante dell’iniziativa Smart  Dubai.
Diverse startup che si occupano di blockchain si stanno specializzando nei servizi pubblici e lavorano in paesi come le Filippine e l’EstoniaHyperledger, un gruppo di ricerca nato dalla collaborazione di varie industrie con l’obiettivo di fornire servizi sanitari, è particolarmente impegnato nello sviluppo di protocolli open e standard per Distributed Ledger Technologies.
In questa corsa tecnologica fa eccezione il settore dell’istruzione, il quale non è stato in grado di attrarre molto interesse da parte delle startup blockchain.

2. POSSEDIMENTO FONDIARIO – I titoli di proprietà fondiaria sono stati probabilmente il primo settore in cui la progettazione e l’utilizzo della tecnologia blockchain ha cominciato a prendere forma nei paesi in via di sviluppo. Nel 2015 il governo dell’Honduras ha firmato un accordo con Factom, una startup statunitense, con il fine di utilizzare blockchain per gestire la registrazione dei titoli di proprietà fondiaria ed arginare i fenomeni legati alla corruzione e alle frodi.
Tutto ciò è stato possibile grazie ad un’associazione locale che si è approcciata inizialmente con la startup e che, in seguito, ha attivamente costruito un ponte tra l’azienda e il governo centrale. Un accordo confidenziale è stato successivamente siglato, ma, per ragioni ancora da chiarire, pochi mesi dopo il progetto è stato sospeso.

L’anno scorso, iniziative simili sono state promosse in Georgia e Ghana. Nel caso della Georgia, l’economista di fama mondiale Hernando de Soto è stato coinvolto come membro del comitato consultivo di BitFury, la startup blockchain che ha preso parte all’iniziativa. Nel caso del Ghana è ancora più interessante come una startup no profit locale, BitLand, stia impiegando la tecnologia blockchain usata per i BitCoin per gestire i titoli di proprietà fondiaria e risolverne le controversie. BitLand e BenBen – un’analoga startup sempre operante in Ghana – stanno lavorando a stretto contatto con le istituzioni locali per snellire attraverso questa modalità le procedure di rilascio dei titoli di proprietà. Tuttavia, nonostante l’entusiasmo iniziale, sembrerebbe che questa iniziativa ghanese stia già perdendo slancio.

Al contrario, la Svezia sta guadagnando una posizione all’avanguardia sulla gestione dei titoli fondiari attraverso la tecnologia blockchain, avendo ormai oltrepassato la fase sperimentale di questi servizi.

3. SERVIZI DI IDENTIFICAZIONE – Diverse startup sono impegnate nell’incrementare servizi di identificazione attraverso  blockchain. OneID84, ad esempio, fornisce un’autenticazione multi-fattoriale e servizi Single Sign-OnNameCoininvece, sviluppa tecnologie chiave nella protezione e autenticazione dell’identità personale, con lo scopo di garantire la libertà di parola e la privacy.
Questo sembra essere uno dei campi più promettenti per una proficua applicazione della tecnologia blockchain, come dimostrato dal crescente numero di startup nel settore. La verifica dell’identità basata su questa tecnologia può essere efficacemente utilizzata per la gestione dei passaporti, certificati di nascita e di matrimonio, per le carte di identità e per le tessere elettorali e la gestione elettronica dei permessi di soggiorno.

4. LIBERTA’ DI PAROLA – Le start up come FlorinCoin e Publicism promuovono la libertà di parola in differenti modalità. La prima ha creato un’applicazione Dapp (Distributed Ledger Application) chiamata Alexandria che ha l’intento di porsi come ricettacolo decentralizzato di conoscenze in cui le informazioni sono gestite direttamente dagli utilizzatori finali. Una delle sue applicazioni è la preservazione dei contenuti digitali censurati che solitamente svaniscono in breve tempo da Internet. FlorinCoin, inoltre, ha potenziato la blockchain introducendo la possibilità di allegare commenti ai vari blocchi della catena.

                                                    g distance relationship gift guide

5. ANTI CORRUZIONE – L’Istituto Nazionale Democratico degli Stati Uniti (the US National Democratic Institute, NDI) ha costruito un partenariato con BitFury, la medesima start up che opera sui titoli fondiari in Georgia, per promuovere gli sforzi anti corruzione attraverso la piattaforma Blockchain Trust Accelerator. Lo scopo è quello di promuovere lo sviluppo delle applicazioni blockchain in grado di favorire la trasparenza e un modello di governo open. Avviata nel giugno 2016, non ci sono ancora sufficienti informazioni disponibili per giudicarne l’andamento.

6. PROCESSI ELETTORALI – I processi elettorali di vario genere sono terreno fertile in questo ambito. Follow My Vote è una start up che usa le Distributed Ledger per lo svolgimento dei processi elettorali e per prevenire le frodi e i furti di identità. Uno dei potenziali vantaggi è che gli elettori, utilizzando la blockchain, possono verificare le loro scelte elettorali in qualsiasi momento, utilizzando le proprie credenziali private. L’Ucraina, la quale si è appena inserita in questo settore, utilizzerà per proprie procedure elettorali locali l’e-Vox, una Distributed Ledger basata sugli Ethereum. La sua implementazione è già partita in un paio di città.

Uno delle problematiche principali tuttavia è l’accesso alle credenziali private che gli hacker potrebbero acquisire in vario modo o che gli elettori stessi potrebbero vendere o affittare in cambio di benefici economici. Una volta che avrà preso piede sarà interessante confrontare le votazioni attuate attraverso blockchain rispetto a quelle su Internet, già presenti in Estonia.

7. NUOVE FORME DI GOVERNO – Alcune piattaforme blockchain hanno lo scopo di sostituire o quantomeno emulare la struttura governativa. Il migliore esempio è Bitnation, il quale permette ai suoi utenti di creare dei “proto-paesi”, senza confini definiti, che offrono una serie di servizi ai propri cittadini. Questi “paesi” posseggono una propria costituzione e alcuni garantiscono perfino un salario minino.

8. AIUTO E SVILUPPO – Aid:Tech, una compagnia situata a Londra, è probabilmente la prima startup di blockchain a intraprendere azioni umanitarie e di sviluppo nel Medio Oriente. L’azienda assicura un sistema di voucher potenzialmente utilizzabile nei contesti più difficoltosi, garantendo che le risorse finanziarie giungano a destinazione.
La sovracitata Bitnation è molto attiva in capo umanitario, offrendo in particolare sostegno ai rifugiati politici.
Anche l’ONU, dal canto suo,  applica la tecnologia blockchain all’interno delle operazioni o programmi di alcune sue agenzie. In particolare:

– UNICEF ha investito 100,000 dollari americani per sostenere la startup 9Needs – la quale lavora utilizzando blockchain per rispondere ad alcuni dei principali bisogni sociali  – ed è intenzionato a fare lo stesso con una decina di altre startup.

– UNDP promuove la tecnologia blockchain per il trasferimento di liquidi e di strumenti finanziari in Serbia e Moldavia, e pianifica di estendere la sua azione in altri paesi.

– UNWFP ha annunciato un progetto pilota basato sugli Ethereum per aiutare finanziariamente le persone in difficoltà in Giordania, basandosi sui risultati positivi ottenuti in una precedente iniziativa in Pakistan.

Nonostante le varie iniziative, la tecnologia blockchain non è ancora protagonista nei progetti di sviluppo nel Sud del mondo. Questo perché la maggior parte delle iniziative sono guidate unicamente dall’offerta e si pongono come proposte isolate, slegate da programmi in corso, con le istituzioni locali che giocano prevalentemente un ruolo passivo.

L’economia locale e le problematiche politiche sono ancora questioni fondamentali e rimarranno tali a meno che la tecnologia blockchain non adotti un approccio maggiormente inclusivo. Da questo punto di vista, è più probabile che le iniziative blockchain impegnate in più ampi programmi di ammodernamento governativo e in servizi di identificazione abbiano maggiori probabilità di successo nel prossimo futuro.

 

Tratto da: ICTWorks, Eight Practical Blockchain Use Cases for International Development, 27 Novembre 2017

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *