Panarabismo e web 2.0

twitter-egypt-revolutionQuale il ruolo di Internet e dei social media prima, durante e dopo le rivolte in Medio Oriente? Augusto Valeriani, docente dell’Università di Bologna e tra i massimi esperti di web 2.0 nei paesi arabi in Italia, racconta a VpS le potenzialità di questi strumenti.

 

di Maurizio Dematteis

 

In un workshop organizzato da Paralelli, Istituto euromediterraneo del nordovest tenutosi ieri a Torino, Augusto Valeriani, docente dell’Università di Bologna specializzato in web 2.0 nei paesi arabi, ha rilasciato un’intervista a VpS per spiegare potenzialità, opportunità, rischi e limiti della rete nelle rivolte civili.
Al workshop, dal titolo “Fra pane e diritti. Le rivolte della società civile nei Paesi del Nord Africa tra similitudini e differenze”, hanno partecipato anche Sherif El Sebaie, giornalista egiziano, Arturo Varvelli, ricercatore Ispi esperto di Politica interna e internazionale della Libia e Habib Guiza, Presidente Acmaco .
Nel corso della giornata gli specialisti hanno raccontato quanto sta accadendo sulla sponda sud del Mediterraneo, nel tentativo di mobilitare l’establishment del Nord Ovest a una maggiore attenzione euro mediterranea.

Guarda l’intervista video di Augusto Valeriani

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *