Articoli

CommonsHood: Torino sperimenta l’uso della tecnologia blockchain per il sociale

Offrire alla comunità una piattaforma per sostenere l’economia locale, questo è l’obiettivo di CommonsHood, un’app che utilizza la tecnologia blockchain (una struttura informatica di dati condivisa) per fornire alle comunità strumenti d’inclusione finanziaria.

Il progetto è stato sviluppato dall’Università di Torino in collaborazione con il Comune di Torino, varie associazioni e rappresentanze dei cittadini e il Centro di servizio per il volontariato di Torino. L’app è uno dei 22 progetti finalisti, candidati al premio europeo “EIC Horizon Prize Blockchains for social good” ed è stata presentata lo scorso 5 febbraio all’Open Incet di Torino.

Come funziona CommonsHood

CommonsHood è una app portafoglio che non solo permette di scambiare i ‘gettoni’ (detti token) che vivono sulla blockchain, ma permette anche a chiunque di creare nuovi tipi di gettoni. Essi rappresentano strumenti finanziari locali, quali proposte di crowdfunding, strumenti di marketing come tessere prepagate, cashback, group buying, tessere punti e buoni sconto, ma anche monete complementari vere e proprie, o certificati e ricevute digitali.

Non si tratta quindi di strumenti speculativi globali come il Bitcoin e altre ‘criptovalute’, ma di strumenti di inclusione finanziaria per sostenere la comunità, gestiti a livello locale. “Vogliamo rendere più democratici questi strumenti mettendo tutti nelle condizioni di crearli. Questo si intende quando si parla della capacità della Blockchain di eliminare gli intermediari” spiega il Professore Guido Boella, coordinatore della proposta finalista e Direttore del Dipartimento di Informatica dell’Università di Torino.

“Il nostro obiettivo è lanciare una rivoluzione tecnologica paragonabile a quella prodotta dal Web 2.0 che ha permesso a chiunque di pubblicare su Internet contenuti multimediali senza avere competenze tecniche” dice Claudio Schifanella, responsabile dei progetti europei e regionali che finanziano CommonsHood, a capo del gruppo di lavoro del Dipartimento di Informatica “Analogamente, CommonsHood permette a tutti di creare token crittografici tramite una semplice app, senza sapere nulla della tecnologia Blockchain e senza avere competenze di programmazione, e usarli per i propri scopi.

La blockchain grazie alle sue caratteristiche di decentralizzazione, trasparenza, sicurezza, può favorire la creazione di un ecosistema in cui la comunità può riappropriarsi di un suo ruolo con responsabilità. Un tassello significativo nella costruzione di una visione di una società futura, che abbia come obiettivi il contrasto alle diseguaglianze e uno “sviluppo democratico”.

Primi esempi concreti di utilizzo

Una prima sperimentazione di CommonsHood molto concreta consiste nella distribuzione di quasi 400.000€ del progetto Reti di acquisto Solidale del Piano Inclusione Sociale del Comune di Torino a circa 1.000 famiglie e persone  in difficoltà usando l’app come un “borsellino sociale”, ovvero un portafoglio di buoni-acquisto da spendere nei negozi aderenti.

Inoltre, grazie al contributo del Centro di servizio per il volontariato di Torino, le associazioni del terzo settore potranno utilizzarla anche per rendicontare le proprie attività, ai fini della valutazione dell’impatto sociale.


Ong 2.0 al Festival dell’innovazione Supernova

Supernova è la prima edizione torinese del festival dell’innovazione, un evento pensato per far nascere sinergie e contaminazioni tra i protagonisti dell’innovazione, le aziende e le persone. Silvia Pochettino, Founder e CEO di Ong 2.0, interverrà al Festival moderando un dibattito sull’innovazione sociale dirompente.

Supernova sarà un’occasione per raccontare e scoprire l’innovazione a 360° gradi, spaziando dal cibo al lavoro, dal gioco al design, e passando per gli universi della social innovation, della sharing economy, dei makers, dell’open innovation e dell’Internet of things.

Il 26 e il 27 settembre piazza Carlo Alberto, nel centro di Torino, si animerà con laboratori, workshop, esposizioni, incontri e dibattiti con i più interessanti e vivaci protagonisti del panorama torinese e nazionale. Sarà inoltre possibile sperimentare tecnologie, scoprendo quanto l’innovazione possa essere semplice e funzionale per la vita quotidiana.

Anche Ong 2.0 partecipa al Festival: sabato 26 dalle 16 alle 17, nel Main Dome in piazza Carlo Alberto, Silvia Pochettino modera il dibattito “L’innovazione sociale dirompente: cosa fare e cosa non fare per provocarla. Spunti e riflessioni per un ecosistema locale attrattivo e creativo” con gli interventi di: Domenico Magone, Assessore al commercio, lavoro e attività produttive della Città di Torino; Massimiliano Ceaglio (I3P); Davide Dattoli (TAG); Giuseppe Serrao (2i3t); Aurelio Balestra (Toolbox); Laura Orestano (Rinascimenti Sociali); Fabio Sgaragli (Open Incet); Matteo Dispensa (Dohers).


605x305_Supernova_Aquila

Supernova nasce a Brescia nel 2014, organizzato da Talent Garden, il network di co-working space dedicato a freelance, startup e aziende che operano nel settore digitale e oggi presente in 13 città italiane ed europee, tra cui Milano, Torino, Padova, Barcellona, Tirana e Kaunas.

“L’innovazione è stata per lungo tempo il motore di tutte quelle svolte epocali che hanno scritto la storia. Oggi che sembra che tutto (o quasi) sia già stato inventato, l’innovazione non è più un macro concetto destinato a grandi cose per pochi ma è ovunque, nella quotidianità di chiunque abbia voglia e capacità di implementare il progresso, di migliorarlo, di renderlo più accessibile. In questi termini abbiamo una storia ancora lunga da scrivere ma per farlo c’è bisogno di esperienze, di idee e del luogo giusto per condividerle per farle evolvere. Abbiamo pensato, quindi, di rendere l’esperienza di successo di Talent Garden a supporto delle buone idee, nel luogo d’incontro per eccellenza: la Piazza. Con Supernova, mettiamo a disposizione del futuro: startup, aziende, enti pubblici, banche, cittadini, professionisti, bambini. L’obiettivo è confrontarsi, contaminarsi e insieme creare qualcosa di nuovo, qualcosa che amiamo definire innovazione” ha spiegato Fabio Sferruzzi, fondatore di Talent Garden Torino.

Info e programma: http://torino.festivalsupernova.it/